MEDIA E STAMPA

           

II Master Class ESTROT - Pseudoartrosi e perdite di sostanza ossea: innovativi approcci diagnostico-terapeutici

22/09/2014

COMUNICATO   STAMPA

II Master Class ESTROT “Pseudoartrosi e Perdite di sostanza ossea:innovativi approcci diagnostico-terapeutici
22-23 settembre 2014
Aula Magna Istituto Ortopedico Gaetano Pini -Via G.Pini 9 – Milano

 

“Come Presidente sono lieto di organizzare il secondo Master Class ESTROT sul delicato tema delle pseudoartrosi e perdite di sostanza ossea. Il Master è certificato S.I.O.T (Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia)”, sottolinea il prof. Giorgio Maria Calori, Presidente del Master e Presidente di ESTROT (European Society Tissue  Regeneration in Orthopaedies Traumatology), oltre che Primario C.O.R. Chirurgia Ortopedica Riparativa dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini,”Si tratta di un argomento molto importante e, per l’occasione, intervengono autorevoli studiosi nello specifico settore della ricerca scientifica e con personale esperienza nell’applicazione clinica”.
Il tema viene affrontato mediante una accurata disamina del fisiologico processo di guarigione delle fratture, particolarmente riferita alle più recenti acquisizioni scientifiche, tese alla comprensione dei più intimi meccanismi biologici e meccanici, i quali sono indispensabili ai fini della effettiva comprensione dello scostamento verso il patologico. Gli esperti approfondiscono, durante le due giornate, tutte le complicazioni che interferiscono durante il decorso clinico, quali ritardi consolidativi, pseudoartrosi, difetti ossei; inoltre le sessioni trattano, con completezza, le differenti componenti eziopatogenetiche, biomeccaniche e biologiche.
“E’ sempre più evidente”, dice il prof. Giorgio Maria Calori,”che le comorbidità proprie di ogni singolo paziente rappresentano, come fattore di gravità e rischio, l’effettivo profilo da considerare per operare una corretta ed adeguata scelta terapeutica. Pertanto è fondamentale una corretta valutazione di tali comorbidità secondo innovativi criteri classificativi di inquadramento del ‘paziente a rischio’. Io, con il mio team, ho elaborato degli studi europei e internazionali che permettono di stabilire un vero e proprio algoritmo utile per instaurare la più appropriata ed efficace strategia di cura, presupposto indispensabile per il raggiungimento della guarigione”.
Durante le due giornate vengono esposte le più attuali possibilità terapeutiche oggigiorno disponibili: quelle tradizionali, pur sempre valide, e quelle più moderne che utilizzano applicazioni biotecnologiche di ingegneria tissutale per la rigenerazione ossea ed anche i nuovi impianti protesici da impiegare quando non è più possibile ricostruire, ma si vuole evitare l’amputazione. L’ente ha anche una convenzione con A.N.I.O. (Associazione Nazionale Infezioni Osteoarticolari) che assiste  ben 138mila pazienti con infezioni osteoarticolari. Queste nuove tecnologie permettono ricostruzioni rigenerative oppure, se non possibile, innovative sostituzioni attuali con megaimpianti protesici che ripristinano la funzione ed evitano l'amputazione, con grande rispetto della condizione del malato e risparmio della spesa sanitaria pubblica.
“Il nostro ospedale,” dice il prof. Giuseppe Mineo, Direttore Scientifico, Istituto Ortopedico Gaetano Pini, "con questi Master a livello internazionale, grazie ad ESTROT, punta molto anche a progetti di interazione tra università e ospedali e si distingue come Polo Didattico per fare aggiornamenti professionali di alto livello”.  
In definitiva, gli argomenti trattati comprendono una panoramica sulle scienze di base, considerano gli elementi in gioco nei processi di guarigione ossea, le nuove modalità di inquadramento delle lesioni, la metodologia e le differenti proposte di approccio al problema identificando una strategia di trattamento differenziata per singole necessità.
“Abbiamo una elevata casistica di questi pazienti, complessi come quadro clinico, che ci arrivano anche da altri ospedali e Regioni” dice il prof. Bruno Marelli, Direttore del Dipartimento di Ortotraumatologia Generale e Chirurgie Ortopediche Specialistiche, Direttore II°  Divisione Chirurgica di Ortopedia e Traumatologia, Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico Gaetano Pini, ”Trovano nel nostro Istituto un Hub specializzato e qualificato al C.O.R. che lavora interagendo al meglio con tutta la struttura e  tutte le istituzioni a livello europeo e internazionale per offrire alle famiglie una assistenza a 360 gradi di qualità”.    Le due giornate sono rivolte a Medici Chirurghi specialisti in Ortopedia e Traumatologia ma anche raccomandate agli specialisti in Fisiatria e Medicina Riabilitativa ed ai Medici di base.
“La Master Class”, dice il prof. Giorgio Maria Calori, ”è espressione di ESTROT (European Society for Tissue Regeneration in Orthopaedic and Traumatology), Società scientifica di riferimento internazionale che riunisce oltre 1400 esperti, tra clinici e ricercatori in rappresentanza ufficiale di ben 32 paesi europei, impegnati a tempo pieno sull’argomento e che costituiscono il gruppo scientifico prevalente nelle pubblicazioni ad alto impatto internazionale. Estrot è  riconosciuta da EFORT (European Federation of National Associations of Orthopaedics and Traumatology”.

In allegato il programma
Ufficio stampa  GAETANO PINI  - Tel.3389282504  e-mail cinziaboschiero@gmail.com

ALLEGATI:

 
Copyright Ufficiale © 2017| Tutti i diritti riservati